statistiche siti web

Eteronormatività vs Pansessualità cosa sono e quali sono le differenze

Facebook
Twitter
LinkedIn

L'eteronormatività è la convinzione che l'eterosessualità sia l'unica espressione naturale della sessualità nella nostra società. Questo sistema di credenze può essere dannoso per le minoranze sessuali perché crea una gerarchia tra le pratiche sessuali che può rafforzare l'eterosessismo e l'omofobia.

 

Cos'è l'eteronormatività?

L'eteronormatività è la convinzione che l'eterosessualità sia l'espressione predefinita, e quindi preferita, della sessualità. È anche spesso associata a credenze nell'espressione di genere basata sulla nascita (ad esempio, i genitali con cui sei nato determinano la tua identità di genere), un chiaro binario di genere e ruoli di genere tradizionali. La cultura eteronormativa può rafforzare l'omofobia, l'eterosessismo (discriminazione a favore delle relazioni di sesso opposto), e la convinzione che le relazioni omosessuali non siano conformi. Il teorico sociale Michael Warner ha coniato il termine "eteronormativo" nel 1991, e ha ulteriormente esaminato l'ideologia nel suo libro Fear of a Queer Planet (1993), uno dei mattoni della teoria queer.

 

6 Esempi di eteronormatività

I presupposti e le credenze eteronormative sono prevalenti in tutto il mondo in molte forme diverse – ecco alcuni esempi comuni.

Trattamento dell'omosessualità come "una fase". Uno degli esempi più comuni di eteronormatività è la convinzione che qualsiasi orientamento sessuale o identità sessuale non conforme (specialmente omosessualità e bisessualità) sia "solo una fase" e che l'individuo ne uscirà crescendo e vivrà una vita eterosessuale.

Rappresentazione mediatica delle coppie eterosessuali. C'è una prevalenza di coppie eterosessuali nei media tradizionali, dalle pubblicità alle commedie romantiche. Questa prevalenza rafforza l'eterosessualità come standard sociale per l'espressione sessuale.

Preferenza per i pronomi biologici. Quando qualcuno insiste nel riferirsi ad un'altra persona secondo il suo sesso biologico piuttosto che le sue preferenze personali, sta rinforzando le credenze eteronormative.

Discriminazione sanitaria. Le persone LGBTQ, specialmente le persone transgender, possono incontrare difficoltà quando cercano di ricevere un'adeguata assistenza sanitaria a causa dei tassi più bassi di copertura assicurativa e del minor numero di fornitori di assistenza sanitaria che comprendono i loro bisogni – un risultato della cultura eteronormativa.

Disapprovazione da parte dei genitori dei bambini LGBTQ+. Alcuni genitori eteronormativi aderiscono all'omofobia o alla transfobia e disapprovano che i loro figli si dichiarino LGBTQ+ o che escano con queste persone (preferendo invece individui eterosessuali e cisgender).

Assegnare il genere alle persone intersessuali. Alcuni genitori di bambini intersessuali scelgono di eseguire interventi chirurgici non necessari sui genitali del loro bambino per assicurarsi che siano inequivocabilmente maschi o femmine.

 

Cos'è la pansessualità?

La pansessualità è un'attrazione emotiva, sessuale o romantica verso persone di tutte le identità di genere e orientamenti sessuali. Il prefisso "pan" significa "tutto" in greco, quindi le persone che si identificano come pansessuali sono attratti da persone di tutti i generi, compresi quelli che sono cisgender, transgender, genderqueer, agender, gender-fluid, e non-binario.

 

Cosa significa essere pansessuale?

La pansessualità comprende una varietà di esperienze. Considera i seguenti modi in cui le persone pansessuali possono sperimentare le loro identità. La pansessualità può riguardare l'apertura. Molte persone pansessuali si identificano con questo termine perché implica un'inclusività che le apre a relazioni con persone di sesso diverso. Le persone pansessuali possono avere relazioni con persone di altri orientamenti sessuali, compresi coloro che sono asessuali o bisessuali.

Le persone pansessuali possono comunque avere delle preferenze. Alcune persone pansessuali si identificano come gender-blind, cioè sono ugualmente attratti da tutti i generi. Altri, alcuni dei quali si identificano come onnisessuali, hanno una preferenza, trovandosi più attratti da alcuni generi.

La pansessualità può riguardare più del sesso. La pansessualità non stabilisce che tipo di relazioni le persone pansessuali possano desiderare. Alcune persone possono sperimentare la loro pansessualità come un'attrazione emotiva, mentre per altri, l'attrazione sessuale e le relazioni sessuali sono una grande parte della loro identità.

 

Pansessuale vs. Bisessuale: qual è la differenza?

Ci può essere molta sovrapposizione tra il termine bisessuale e il termine pansessuale, soprattutto perché il significato esatto di ogni identità dipende dall'individuo che sceglie di adottare le etichette. La bisessualità si riferisce generalmente all'attrazione sessuale o romantica verso persone con più di un'identità di genere, mentre la pansessualità si riferisce all'attrazione sessuale o romantica verso persone di tutti i generi. La pansessualità può quindi essere considerata come rientrante sotto l'ombrello della bisessualità, insieme ad altre identità tra cui polisessuale – attratto da molti ma non tutti i generi – omnisessuale, queer, fluido, eteroflessibile, omoflessibile, e altro.

Continua a esplorare

Cos’è il fetish e chi lo pratica

Il feticismo rientra sempre più tra le abitudini sessuali maggiormente diffuse ma non ha ancora perso del tutto quell'accezione perversa che si è soliti attribuirgli.Infatti molto

Donne vogliose online, ecco come trovarle!

Quando si parla di donne vogliose e ninfomani, occorre avere quella panoramica generale che permette di trovare con grande facilità questa categoria